LeftRight

Category : Il Forzista

News Letter Claudio Pedrazzini, Presidente del Gruppo Forza Italia in Regione Lombardia

Il Forzista n°72: IL REGIME IMBAVAGLIA L’INFORMAZIONE

Il Forzista

Porro e Belpietro vittime della “dittatura democratica” di Renzi

IL REGIME IMBAVAGLIA L’INFORMAZIONE

(di Claudio Pedrazzini)

Panem et circenses” dicevano gli antichi romani definendo politiche volte ad assicurarsi il consenso con elargizioni clientelari e divertimenti popolari gratuiti. “Un popolo ignorante è un popolo facile da ingannare”, sosteneva Che Guevara

Il Forzista n°69: RIFORME: FORZA ITALIA VOTERA’ NO

Il Forzista

Proposte Renzi: il sistema non sarà né più efficiente né meno costoso

RIFORME: FORZA ITALIA VOTERA’ NO

(di Claudio Pedrazzini)

1) no perchè non si cambia la costituzione con un colpo di mano di una  maggioranza raggiunta con i voti determinanti dei transfughi, 2) no perchè quella italiana e’ la costituzione votata nel 1948 a larghissima maggioranza

Il Forzista n°67: RENZI GARANTISTA A CORRENTE ALTERNATA

Il Forzista

La politica non deve consentire ai magistrati la selezione delle classi dirigenti

RENZI GARANTISTA A CORRENTE ALTERNATA

(di Claudio Pedrazzini)

 

Renzi ha recentemente dichiarato che il “giustizialismo è una barbarie” e ultimamente ha assunto una posizione estremamente garantista anche riguardo alle intercettazioni telefoniche

Il Forzista n°66: STEFANO PARISI IN SORPASSO

Il Forzista

L’unità in politica è un valore: sabato è nato il centro-destra allargato

PARISI IN SORPASSO

(di Claudio Pedrazzini)

“La mia presenza in gara rischiava di far vincere chi non lo merita”: questa la dichiarazione di Corrado Passera sabato scorso mentre, stringendo la mano a Stefano Parisi, annunciava il ritiro della sua candidatura a sindaco del capoluogo lombardo

Il Forzista n°63: SERVE UN ESERCITO EUROPEO

Il Forzista

SERVE UN ESERCITO EUROPEO

Unità europea contro il terrorismo per una coalizione mondiale

(di Claudio Pedrazzini)

Dopo gli attentati di Bruxelles, tutti sostengono che occorre una risposta coordinata e unitaria di tutti gli stati, perché il terrorismo ha una dimensione mondiale.